Terza fiera dell’artigianato per importanza dopo la Fiera di Sant’Orso di Aosta (30-31 gennaio) e la Fiera di Sant’Orso di Donnas (anticipa di 2 settimane quella di Aosta), riservata alle scuole di artigianato, questa kermesse si propone l’obiettivo di promuovere il valore dei mestieri artigianali che costituiscono un’eccellenza del territorio valdostano.

Lo spettacolo si mescola alla didattica e l’arte diventa spettacolo e rappresentazione: i visitatori potranno ammirare oltre ai manufatti anche le tecniche di lavorazione e decorazione del legno, della pietra ollare, del ferro battuto, della pelle e del cuoio.

L’arte di lavorare il legno, elemento principe dell’artigianato locale, ha origini antichissime. Nata come esigenza primaria per la realizzazione di utensili utili alla vita quotidiana domestica e agricola, con il tempo si è trasformata affinando tecniche ed inserendo elementi decorativi ed ornamentali.

La stagione invernale funge da musa ispiratrice, complici il freddo e le giornate brevi, costringendo artigiani ed artisti in casa e laboratorio. Nascono nuove idee che si concretizzano e prendono vita: utensili e attrezzi casalinghi e da lavoro, semplici pezzi di legno si trasformano in statue, figure, grolle e scatole.

Ogni prodotto artigianale è espressione personale ed intima che trasmette il calore umano del suo ideatore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>