La cucina tradizionale valdostana è priva di antipasti sia perché essa era fatta per gente che non viveva per mangiare, ma mangiava per vivere e lavorare, sia perché i menu delle famiglie valdostane non seguivano la regola: antipasti, primo, secondo, ecc.; anzi il più delle volte il pasto del mezzogiorno era costituito da un piatto unico, ma sostanzioso, mentre quello della sera si riduceva a un po’ di minestra seguita da formaggio con pane o patate.

(tratto d Cucina di tradizione della Valle d’Aosta AA.VV.)

Tutti i piatti costituiti da salumi, prosciutti, lardo entravano nel piatto unico. Solo negli ultimi decenni del XX secolo hanno iniziato ad essere considerati come antipasti.
Oggi vi propongo un piatto semplice e gustoso, nella nostra famiglia chiamato semplicemente “seupa au pan”, sebbene meglio conosciuto come “valpellinentze” e la cui ricetta non solo varia a seconda della vallata di provenienza, ma spesso ogni famiglia ha il proprio segreto di preparazione.

Gli ingredienti sono semplici e genuini:

  • 1 cavolo verza
  • fette di pane raffermo
  • fontina

Mia nonna sbollentava nel brodo di carne le foglie di cavolo verza più bianche e tenere, poi tagliava a fette grandi il pane raffermo e la Fontina. Quindi sul fondo di una teglia stendeva uno strato di fette di pane, uno strato di foglie di cavolo sbollentate e uno strato di fettine di fontina e continuava così finché non riempiva la teglia fino al bordo. L’ultimo strato era rigorosamente ricoperto di Fontina.

La nonna procedeva quindi a irrorare il tutto con il brodo caldo e a fare cuocere nel forno (180° C va benissimo) per circa mezz’ora. Prima di portare in tavola la “seuppa”, la nonna cospargeva sul piatto il burro precedentemente fuso a fuoco lento e aromatizzato con alcune foglie di salvia.
Ancora oggi questa pietanza è un “must”di famiglia sebbene anziché utilizzare brodo di carne utilizziamo il brodo vegetale ottenuto facendo sbollentare il cavolo.
Lo sapevate? Il cavolo verza risulta più gustoso e dolce se raccolto nell’orto dopo la prima gelata autunnale!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>